turismo - RETE CIVICA DEL COMUNE DI CASSANO D'ADDA (MI)

città e territorio | turismo - RETE CIVICA DEL COMUNE DI CASSANO D'ADDA (MI)

 

Parco Adda Nord | Ecomuseo Adda di Leonardo | Curiosità su Cassano | Cassanesi illustri | Gemellaggio Regen Adda

 

 

Visita artistica a Cassano d'Adda

Cassano vista dal ponte sulla MuzzaCassano è un borgo che, come le grandi città, ha la fierezza di un Apostolo per convertire al cristianesimo gli abitanti: S. Barnaba; e quindi vanta la fede e la religiosità dai tempi apostolici. E non sazio di tanta gloria, vanta il sepolcro di S. Dionigi portato tra noi dall'esilio di Armenia in un ricevimento presenziato da S. Ambrogio. Tale è l'ammirazione per il nostro borgo che S. Dionigi non vuole proseguire per Milano, ma resuscitato per l'occasione, prende la parola annunciando la volontà di eleggere Cassano per la sepoltura.

E chi può avere documenti validi ed esaurienti per negare che la vacanza autunnale di S. Agostino alla vigilia della conversione nella villa dell'amico Verecondo è Cassano d'Adda

Prosegui la visita artistica...


 

 

 

Un Castello tra fortune e sventure

Il Castello riflesso nellAddaMaestoso, un po' altezzoso, cromaticamente e architettonicamente leggermente confuso, il castello di Cassano d'Adda svetta sull'argine del canale Muzza, accogliendo con severità il viaggiatore che proviene dalla pianura bergamasca. Si presenta, a prima vista, in modo sicuramente originale, privo cioè delle fondamentali caratteristiche che accompagnano i castelli lombardi: nessun merlo, una sola torre, nessun bastione, nessun fossato. Questa singolare parvenza estetica altro non è che il risultato di una plurimillenaria storia di rimaneggiamenti e di abbandoni.

Non è possibile datare con esattezza l'anno della costruzione del maniero cassanese; è comunque certo che nell'anno 887 accolse il tedesco re Carlomanno che fu il primo di una non trascurabile serie di ospiti che soggiornarono tra le possenti mura della rocca abduana.

Prosegui con la storia del castello...

Sintesi storica ed artistica del Castello Visconteo a cura dell'Istituto Italiano dei Castelli

 

 

 

Villa Borromeo : Una perla del neoclassicismo lombardo

Villa BorromeoGiunti a Cassano d'Adda, abbandonando l'Alzaia e lasciatesi alle spalle le rapide acque del Naviglio Martesana nei pressi di Cascina Volta (chiamata probabilmente in questo modo per la forte sterzata che il corso del canale riceve in questo punto in direzione Milano) si imbocca la anonima via Tornaghi . Voltando a sinistra al successivo incrocio popolarmente detto delle Quattro strade (un tempo importante crocevia tra le direttrici del Lodigiano, del Bergamasco e del Milanese) si realizza l'inatteso e confortante incontro con Villa Borromeo, gioiello del neoclassicismo lombardo e perla tra le non poche bellezze architettoniche cassanesi. Questo palazzo, che può considerarsi i simbolo della cittadina abbarbicata alle estreme propaggini della provincia ambrosiana, vanta una lunga e tormentata storia. Al disattento viaggiatore che si trovi ad attraversare il convulso e trafficato centro storico rischia quasi di sfuggire la vista dell'elegante edificio settecentesco che, quasi a fatica, si fa strada nella schiera di modeste costruzioni che incanalano via Veneto, l'infelice tratto cittadino della Strada Padana Superiore. La mancanza di una immediata panoramica prospettiva, conferita da un lungo viale o da un ampio piazzale ( come nello stile architettonico dei palazzi patrizi del XVIII secolo), rende necessaria per ammirarla degnamente, una sosta.

Prosegui la visita alla Villa Borromeo...

 

 

Il portone del "Ruscett"

Il

Il portone del "Ruscett" da circa tre secoli separa la piazza principale della cittadina dal vetusto villaggio fortificato. Si tratta di un monumento poco conosciuto ma decisamente importante per il borgo cassanese. La sua storia risale al 1764 quando il Procuratore generale del feudo cassanese Cesare Somazzi fece demolire il vecchio portone, millenaria eredità medievale, destinando all'oblio gli ultimi avanzi del ponte levatoio del vicino castello.

A testimoniare questa "rivoluzione" architettonica e urbanistica del borgo cassanese è don Domenico Milani, sacerdote a Cassano proprio alla fine del XVII secolo e che nei suoi preziosissimi ?Annali? offre una ampia panoramica della ricca cronologia della cittadina "Aveva tutti i contrassegni dun ponte levatore" - così descrive don Milani, il distrutto manufatto - e come tuttora si vede dai fondamenti, sporgeva in fuori dal muraglione di cinta, del quale rimane il resto ancor tutto rustico dalla parte di tramontana.

Prosegui con la storia del portone del Ruscett...