Elezioni europee 2024 - RETE CIVICA DEL COMUNE DI CASSANO D'ADDA (MI)

Uffici comunali | Servizi demografici | Elezioni europee 2024 - RETE CIVICA DEL COMUNE DI CASSANO D'ADDA (MI)

Elezioni europee 2024

 

Affluenze e risultati

 

Collegamenti utili

👉 Clicca qui per scaricare il manifesto dei candidati

 

Quando si vota, chi vota, istruzioni

Sabato 8 e domenica 9 giugno si voterà per il rinnovo del Parlamento Europeo (a breve, link al manifesto di convocazione dei comizi elettorali).

I seggi rimangono aperti:

  • sabato 8, dalle 15.00 alle 23.00;
  • domenica 9, dalle 7.00 alle 23.00.

 

Aperture straordinarie ufficio elettorale per il rilascio della tessera elettorale

L'ufficio elettorale si trova presso Spazio Città, in piazzetta Cesare Bettini n. 1

Aperture:

  • venerdì 7 giugno, dalle 14.00 alle 18.00;
  • sabato 8 e domenica 9 giugno, dalle 7.00 alle 23.00

Recapiti:

  • 0363 366 255
  • 0363 366 242
  • 0363 366 257

 

Chi può votare

Possono votare i cittadini italiani iscritti nelle liste elettorali che abbiano compiuto i diciotto anni il 9 giugno.

 

Modalità di partecipazione al voto degli studenti fuori sede

Gli studenti fuori sede che vivono per almeno 3 mesi in un Comune di una Regione diversa da quella del Comune di iscrizione elettorale potranno votare, per le prossime elezioni europee del 8 e 9 giugno senza dover tornare nel proprio Comune.

Se il Comune di domicilio temporaneo appartiene alla stessa circoscrizione elettorale del Comune di iscrizione alle liste elettorali, il voto può essere esercitato nel Comune di domicilio temporaneo. Se invece il Comune di domicilio appartiene ad una diversa circoscrizione elettorale, il voto potrà essere espresso in un seggio speciale costituito presso il Comune capoluogo di Regione.

Le circoscrizioni elettorali sono:

  • I - Italia nord-occidentale (Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Lombardia);
  • II - Italia nord-orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna);
  • III - Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio);
  • IV - Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria);
  • V - Italia insulare (Sicilia, Sardegna).

La domanda (scaricabile qui) deve essere presentata entro il 5 maggio 2024 al Comune di iscrizione elettorale. È necessario precisare l'indirizzo completo del temporaneo domicilio e il recapito di posta elettronica.

Alla domanda occorre inoltre allegare:

  • copia di un documento di riconoscimento in corso di validità;
  • copia della tessera elettorale personale;
  • copia della certificazione o di altra documentazione attestante l'iscrizione presso un'istituzione scolastica, universitaria o formativa.

Come presentare la domanda

Altre informazioni

Il Comune di temporaneo domicilio, o il comune capoluogo di Regione, entro il 4 giugno invierà al cittadino un’attestazione di ammissione al voto con l’indicazione del numero e dell’indirizzo del seggio elettorale presso il quale votare.

Il giorno della votazione gli studenti fuori sede dovranno presentarsi al seggio con un documento di riconoscimento, la tessera elettorale e l’attestazione di ammissione al voto.

La domanda può essere revocata con le medesime modalità entro il 15 maggio 2024.

 

Modalità di partecipazione al voto per i cittadini europei residenti in Italia

I cittadini di uno stato membro dell’Unione Europea residenti a Cassano d’Adda ma privi della cittadinanza italiana, possono esercitare il diritto di voto:

  • nel Paese Ue di cui hanno la cittadinanza votando per gli europarlamentari di quel Paese europeo;
  • a Cassano d'Adda votando per gli europarlamentari assegnati alla circoscrizione Italia nord-occidentale (Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia) e solo se chiedono di essere iscritti alle liste elettorali aggiunte. In questo caso, chi opta per il voto dei candidati italiani, non potrà votare per i rappresentanti del proprio paese di origine (divieto del doppio voto).

La domanda deve essere presentata entro l’11 marzo attraverso le seguenti modalità:

 

Modalità di partecipazione al voto per i cittadini italiani residenti all’estero

Cittadini italiani residente in un Paese NON membro dell’Unione Europea se iscritti AIRE

I cittadini italiani residenti nei Paesi NON membri dell’Unione Europea possono votare per i rappresentanti al Parlamento Europeo spettanti all’Italia presso il Comune di iscrizione elettorale in Italia. A tal fine, entro il ventesimo giorno successivo a quello della pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi elettorali, riceveranno dal Comune una cartolina che li avviserà delle modalità di voto.

Cittadini italiani residente in un Paese membro dell’Unione Europea se iscritti AIRE

Il voto all’estero per i membri del Parlamento Europeo spettanti all’Italia si esercita presso i seggi istituiti dagli uffici consolari. L’elettore riceve da parte del Ministero dell’Interno italiano all’indirizzo di residenza estero il certificato elettorale, con l’indicazione del seggio presso il quale potrà votare, nonché della data e dell’orario di apertura per le votazioni.

L’elettore italiano residente all’estero e iscritto all’AIRE può anche optare per votare per i candidati ai seggi spettanti al Paese membro in cui risiede; in tal caso voterà presso i seggi istituiti dalle autorità del Paese membro di residenza estera.

Infine, l’elettore italiano residente all’estero in un Paese dell’UE se rientra in Italia, può votare presso il proprio Comune di iscrizione elettorale: in tal caso deve farne esplicita richiesta, entro il giorno precedente quello della votazione, al Sindaco del suo Comune.

Cittadini italiani temporaneamente all’estero in un Paese membro dell’Unione Europea

Gli elettori italiani che si trovano temporaneamente in un Paese membro dell’Unione Europea per motivi di lavoro o di studio, nonché i familiari conviventi, possono votare per i membri spettanti all’Italia presso i seggi istituiti dagli Uffici consolari.

Per essere ammessi al voto è necessario presentare entro il 21 marzo 2024 una domanda - indirizzata al Sindaco del Comune di iscrizione nelle liste elettorali - da presentare all’Ufficio consolare italiano competente che poi ne curerà l’inoltro al Comune di residenza.

La richiesta (scaricabile qui) deve riportare l’indicazione specifica dei motivi, di studio o lavoro, per i quali il connazionale si trova nel territorio della circoscrizione consolare e deve essere corredata dall’attestazione del datore di lavoro/dell’istituto od ente presso cui svolge la sua attività di studio oppure da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà redatta ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000, che contenga l’indicazione dell’attività di lavoro o studio svolta, ovvero la qualità di familiare convivente.

 

Dove si vota

Il seggio dove l'elettore deve recarsi è indicato sulla tessera elettorale, sotto la sezione riportante i dati anagrafici dell'elettore.

A questa pagina è possibile consultare l’elenco e l’indirizzo dei seggi elettorali.

 

Come si vota

L'elettore deve presentarsi al seggio con la tessera elettorale e un documento di riconoscimento.

Chi non ha la tessera elettorale o l'ha smarrita può prendere un appuntamento con gli sportelli polifunzionali.

Inoltre, è necessario verificare che la propria tessera contenga ancora spazi disponibili per la timbratura; nel caso siano esauriti è possibile richiedere il rilascio di una nuova tessera. Per maggiori informazioni consultare la seguente pagina.

 

Presentazione delle candidature e aperture straordinarie dell'ufficio elettorale

Nei giorni di martedì 30 aprile e mercoledì 1 maggio si svolge la presentazione delle liste circoscrizionali dei candidati al Parlamento Europeo presso la Corte d’Appello.

Per di garantire il rilascio (massimo entro 24 ore dalla richiesta) delle certificazioni inerenti alla presentazione delle liste, l’Ufficio elettorale sarà aperto nei seguenti orari:

  • sabato 27 aprile, dalle 8.30 alle 14.00;
  • domenica 28 aprile, dalle 8.30 alle 14.00;
  • lunedì 29 aprile, dalle 8.45 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.00;
  • martedì 30 aprile, dalle 8.00 alle 20.00;
  • mercoledì 1 maggio, dalle 8.00 alle 20.00.

 

Propaganda elettorale

La propaganda elettorale è il mezzo tramite il quale un candidato, un partito o una lista pubblicizzano le proprie attività, proposte e idee politiche. La propaganda politica è soggetta a specifica regolamentazione al fine di assicurare che il confronto tra le forze politiche si svolga nel pieno rispetto della par condicio.

Le iniziative propagandistiche, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, si possono svolgere fino alla mezzanotte del 7 giugno.

Delimitazione e assegnazione di spazi dedicati

L’affissione di stampati, giornali murali o altri manifesti di propaganda, da parte di partiti o gruppi politici che partecipano alla competizione elettorale, è effettuata esclusivamente negli appositi spazi a ciò destinati da ogni Comune.

Gli spazi per la propaganda elettorale collegata alle elezioni europee sono stati individuati con deliberazione di Giunta comunale n. 62 del 9 maggio 2024 (qui si può consultare l'estratto) e sono stati assegnati con deliberazione di Giunta comunale n. 64 del 16 maggio 2024 (qui puoi consultare l'estratto).

Le sale ed i locali comunali utilizzabili per le iniziative di propaganda elettorale sono state individuate con la deliberazione di Giunta comunale n. 4 del 12 gennaio 2023 

In questo documento sono illustrate le modalità di richiesta ed utilizzo degli spazi.

Rimozione propaganda abusiva

Le spese sostenute dal comune per la rimozione della propaganda abusiva nelle forme di scritte o affissioni murali e di volantinaggio sono a carico, in solido, dell’esecutore materiale e del committente responsabile.

 

Nomina degli scrutatori

La Commissione elettorale si riunirà giovedì 16 maggio alle 18.00 presso la sede di Spazio Città.

Le persone, anche se non ancora iscritte nell’albo degli scrutatori che fossero interessati a svolgere l’incarico durante le elezioni europee possono mandare una mail con la quale manifestano la loro disponibilità scrivendo a: protocollo@comune.cassanodadda.mi.legalmail.it

 

Voto assistito e voto a domicilio e servizio di trasporto ai seggi

Voto assistito

Gli elettori fisicamente impediti ad esprimere il voto autonomamente possono esercitare tale diritto con l’assistenza di un elettore della propria famiglia o di altro elettore liberamente scelto, purché iscritti nelle liste elettorali di un qualsiasi Comune della Repubblica.

Sono da considerarsi fisicamente impediti i ciechi, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o altro impedimento di analoga gravità.

L’impedimento fisico, in ogni caso, deve essere riconducibile alla capacità visiva dell’elettore oppure al movimento degli arti superiori, essendo escluse le infermità che influiscono sulla sfera psichica dell’elettore.

Per ulteriori dettagli consulta il manifesto.

Voto a domicilio

Gli elettori che si trovano in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, oppure che risultano affetti da gravissime infermità, tali che l'allontanamento dall'abitazione risulti impossibile anche con l'ausilio dei servizi di trasporto organizzati dal Comune, possono presentare domanda per votare a domicilio entro il 20 maggio

Alla domanda è necessario allegare una certificazione medica rilasciata dal funzionario medico designato dalla ASST che attesti la condizione di infermità, la fotocopia di un documento di riconoscimento e la fotocopia della tessera elettorale.

Per ulteriori dettagli e per presentare la domanda consulta il manifesto e la pagina web dedicata ("Votare al proprio domicilio").

Servizio di trasporto ai seggi per elettori portatori di handicap

Il Comune, in collaborazione con la Croce dell'Adda, organizza un servizio di trasporto ai seggi per gli elettori portatori di handicap.

Seguiranno ulteriori dettagli modalità e per presentare la domanda.

 

Maggiori informazioni

  Per approfondimenti leggi la pagina dedicata alle elezioni del parlamento europeo.