Lombardia in zona rossa. Cosa si può fare e cosa no. - RETE CIVICA DEL COMUNE DI CASSANO D'ADDA (MI)

archivio notizie - RETE CIVICA DEL COMUNE DI CASSANO D'ADDA (MI)

Lombardia in zona rossa. Cosa si può fare e cosa no.

 

LOMBARDIA ZONA ROSSA dal 17 al 31 gennaio 2021


SPOSTAMENTI

È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita, nonché all’interno dei territori della zona rossa, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Sono consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita.

È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Lo spostamento verso una sola abitazione privata è consentito nell’ambito del territorio comunale, una volta al giorno, in un arco temporale compreso tra le ore 5:00 alle ore 22:00, e nei limiti di due persone (sono esclusi dal conteggio i minori di 14 anni, i disabili e le persone non autosufficienti conviventi).

Sono consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, per una distanza non superiore a 30 km, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.
 

SCUOLA

Si svolgeranno in presenza le lezioni delle scuole dell’infanzia, della scuola primaria  e del primo anno della scuola secondaria di primo grado.

Le attività scolastiche e didattiche delle restanti classi della scuola secondaria di primo grado e delle scuole superiori si svolgeranno esclusivamente con modalità a distanza.

Resta la possibilità di svolgere le lezioni in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in caso di studenti con esigenze specifiche (disabilità, bisogni educativi speciali, etc).

 

BAR, RISTORANTI, GELATERIE

Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (tra cui bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie, gelaterie).

Resta consentita la consegna a domicilio fino alle ore 22.00.

Il servizio di asporto è consentito fino alle ore 18.00, con obbligo del rispetto del divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande negli autogrill, negli ospedali e negli aeroporti.
 

NEGOZI

Sono sospese le attività commerciali al dettaglio sia nei negozi di quartiere che negli esercizi nelle medie e grandi strutture di vendita (centri commerciali).

Rimangono aperti:


Supermercati e negozi di generi alimentari
farmacie, parafarmacie e negozi di articoli sanitari ed ortopedici
ottici,
negozi di computer, telefonia, elettrodomestici
tabaccai,
rifornitori di carburante,
negozi di saponi e detersivi,
ferramenta, negozi di vernici e materiali da costruzione,
negozi di prodotti per l’agricoltura e giardinaggio,
articoli per l’illuminazione,
edicole,
cartolerie,
negozi per neonati e bambini,
negozi di biancheria personale,
negozi sportivi e di biciclette,
negozi di autoveicoli e motocicli e relative parti ed accessori,
profumerie,
barbieri e parrucchieri,
erboristerie,
fiorai e vivai,
lavanderie,
negozi per animali domestici,
negozi di combustibili.

Chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.

Chiusi i centri estetici.


SPORT

Sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni riabilitative o terapeutiche.

È consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché nel rispetto della distanza di almeno 1metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie.

È inoltre consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto in forma individuale.


LUOGHI DI CULTURA

Chiusi musei, teatri, cinema.

Sospese le mostre.